Vuoi anche tu un’abbronzatura perfetta e magari anche proteggere la tua pelle?

Parlare con clienti come TE spesso mi fa ragionare sull’importanza della coerenza dei messaggi che passo. Proprio ieri, una mia amica mi ha chiesto: “Marina, tu mi dici sempre di trattare il viso, di stare attenta al sole perchè macchia la pelle, di fare i giusti trattamenti… ma ora che sto per partire per le ferie, cosa devo fare per non rovinare tutto quello che abbiamo fatto?”

 

…mi ha dato una bella spinta per scrivere a tutte 8 consigli FONDAMENTALI per le prime (ma anche le seconde… e le terze… e le quarte……) esposizioni al sole. Io le chiamo, le 8 regole d’oro!

 

ECCO LE MIE 8 REGOLE D’ORO

 

  1. L’ uso dei prodotti solari appropriati rappresenta la prima regola per proteggersi dai rischi del cancro della pelle, evita arrossamenti ed eritemi e previene il fotoinvecchiamento.
  2. Per i solari sono da prediligere le formulazioni contenenti i filtri UV di tipo fisico (ossido di zinco o biossido di titanio) più naturali rispetto a quelli chimici. Il prodotto deve avere un ampio spettro di assorbimento in grado cioè di proteggere la pelle dai raggi UVB e UVA ed una protezione adeguata.
    Meglio partire da una protezione più alta per le prime esposizioni e poi passare a prodotti con  protezioni piu basse.
  3. Regole nell’applicazione del prodotto: l’applicazione è importante, bisogna far penetrare il prodotto solare massaggiandolo bene su tutto il corpo, meglio se si fa prima di indossare il costume.
  4. Il modo giusto di prendere il sole:
    L’esposizione deve avvenire progressivamente, con un incremento di 15/30 minuti al giorno, mentre è sconsigliata (anzi, ve la vieto proprio) nella fascia oraria tra le 11.30 e le 15.30, quando la concentrazione dei raggi UV è maggiore.
    Ogni 2 ore e dopo ogni bagno è necessario riapplicare il prodotto solare. E’ necessario il prodotto solare anche se si sta in acqua, poichè l’acqua è una superficie riflettente (come anche la sabbia e la neve); le radiazioni si possono concentrare fino all’80% (effetto lente). Anche ad un metro di profondità l’intensità dei raggi UVB è ancora al 50% quindi si rischia comunque una scottattura.
  5. Come viene scelta la protezione solare?
    Si definisce il FOTOTIPO in base ad una scheda di valutazione dove si potrà rispondere alle domande sul colore capelli, colore occhi, colore pelle, valutazione lentiggini, tendenza alle scottature, facilità all’abbronzatura.
    Analizzando il FOTOTIPO: es. chi ha una carnagione molto chiara deve scegliere un prodotto con un SPF elevato perchè la capacità di autoprotezione del suo organismo è molto bassa e la sua pelle tende a scottarsi anche con piccole quantità di raggi UV a differenza di una pelle più scura.
  6. Qual’è la dose corretta di prodotto solare da applicare?
    La dose minima corretta è di 2ml per cm quadrato di pelle che sarebbe 30/35 gr di prodotto sull’intero corpo, equivalgono a 6 cucchiaini pieni.
  7. Cibo e Abbronzatura
    Per ottenere un’abbronzatura uniforme la regola da seguire sarà assumere un’ alimentazione ricca di acqua, sali minerali e vitamine. L’acqua come sai è molto importante per mantenere la cute idratata e far reintegrare le perdite causate dalla sudorazione.
    Il beta carotene è un ottimo nutriente, in quanto stimola la formazione di melanina. E’ un forte antiossidante ed è in grado di proteggere la pelle dell’invecchiamento cutaneo e dagli effetti dannosi dei raggi UV.
    Ricordati che le vitamine del gruppo A-C-E, il selenio e il coenzima q-10, sono presenti negli elementi di origine vegetale.
    Quindi riassumendo, acqua, frutta e verdura ci aiutano a mantenere una pelle più idratata.
  8. Altro punto fondamentale è eseguire il trattamento Pre e Post Sole.
    • Trattamento specifico viso e corpo per preparare la pelle e per mantenere più a lungo l’abbronzatura. E’ necessario eseguire trattamenti di esfoliazione (presole) per eliminare un eccesso di cellule morte della superficie cutanea con peeling meccanici.
    • Trattamenti idratanti (post-sole) per mantenere l’abbronzatura più a lungo a base di acido jaluronico e prodotti vitaminici.
    • Trattamenti antimacchia da non sottovalutare perchè molte donne hanno il problema delle discromie dovute proprio ad una non corretta esposizione solare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.